Seadas

Il dolce tipico sardo forse più conosciuto : una sfoglia di pasta ripiena di formaggio fresco , fritta e coperta di ottimo miele ( possibilmente quello amaro di corbezzolo ) .

Ingredienti :
350 gr di farina
50 gr di strutto o margarina
la scorza di un’arancia grattugiata
350 gr di formaggio fresco e acidulo
( pecorino o vaccino )
acqua QB
100 gr di miele ( possibilmente quello amaro di corbezzolo )
olio per friggere

Preparazione :
iniziate a preparare l’impasto : dentro una terrina mettete la farina e lo strutto , iniziate a impastare un pochino e poi aggiungete l’acqua tiepida , poco alla volta , in modo da ottenere un impasto non troppo morbido ma liscio e corposo . Una vota che l’impasto prende forma , trasferitelo su una spianatoia e lavoratelo per bene per circa 10\15 minuti . Avvolgetelo in un telo e lasciatelo riposare per circa mezz’ora . Tagliate il formaggio a scagliette sottilissime e fatelo fondere a fuoco molto dolce in un pentolino con pochissima acqua ( l’acqua deve bagnare solo il fondo -- guarda video ) e aggiungete anche la scorza dell’arancia grattugiata . Mescolate finchè il formaggio assorba l’acqua e formi un impasto cremoso e filante . Spostatelo su carta assormente , asciugatelo e lasciatelo intiepidire . Con questo impasto modellate delle palline appena più grosse di una noce , che schiaccerete a formare dei dischetti di 5 centimetri di diametro . Stendete la pasta, in sfoglie sottili , con una macchina elettrica o con il matarello. Su una di queste disponete dei dischetti di formaggio , ben distanziati tra loro . Ricoprite con altra sfoglia e fatela aderire premendo delicatamente con le dita attorno al formaggio ( la seadas deve essere ben sigillata per evitare la fuoriuscita del formaggio durante la frittura ) . Con un coppapasta o anche una ciotola rotonda ritagliate dei dischi di circa 12 centimetri di diametro , aiutandovi con una rotellina . Scaldate dell’olio abbondante in una padella e quando sarà ben caldo friggetevi le seadas , rigirandole più volte con due cucchiai ( fate attenzione a non bucarle ) e quando avranno raggiunto una lieve doratura scolatele su carta assorbente . Spostate le singole seadas su piattini da dessert e ricopritele con il miele . Servite la seadas ben calda .

Buon appetito !!

NB Il formaggio usato non deve avere più di 4\5 giorni di stagionatura . C’è chi usa anche il caccio cavallo purchè sia ben fresco . Qualcuno salta il passaggio di far squagliare il formaggio e lo mette , tagliato a scaglie sottilissime , direttamente sulle sfoglie dopo averlo mescolato alla scorza di arancia o limone . Per accompagnare la seadas si consiglia l’Anghelu Ruju ( vino dolce liquoroso ) o un passito o ancora una vernaccia ( ottima sia la dolce che la secca ) . Il miele più indicato è quello amaro di corbezzolo ma si possono utilizzare tutti i tipi di miele . A chi non piace il miele , può spolverizzare la seadas con lo zucchero o mangiarla senza niente sopra .

Popularity: 3% [?]

About the Author